martedì 10 agosto 2010

LA SOLITUDINE DEL NOSTRO TEMPO

Troppo spesso ci fermiamo a contemplare il nostro volto segnato dalle preoccupazioni e ci lamentiamo perchè nessuno ci aiuta a risolvere i nostri problemi, lasciandoci soli a combattere contro un'esistenza che ci va stretta.
Imprechiamo contro il mondo in cui viviamo, questo enorme contenitore di anime, che un giorno Dio creò apposta per renderci felici....perchè tutto questo rancore? Per quale motivo dobbiamo sentirci nemici di noi stessi e degli altri, per colpa di una solitudine che, in gran parte, ci siamo creati noi?
Il tempo in cui viviamo è un tempo di grandi metamorfosi: il cristiano è sempre più nel mirino degli scettici, degli atei ( l'ateismo è diventata una moda, non una convinzione), di coloro che ci giudicano stupidi e vili perchè crediamo a ciò che non vediamo. E ciò genera solitudine in chi ha scelto Dio come punto di riferimento per se stesso.
La vera solitudine appare, infatti, in queste forme, nella sfiducia che pian piano assale chi non ha più una fede stabile e per non rimanere solo, accetta ciò che gli altri dicono, di essere credente solo di se stesso...Quale errore più grande! Gesù non abbandona chi è disperato, come gli apostoli durante la tempesta in mare, ci è vicino e chi lo prega cl cuore lo sente. Almeno io lo percepisco ...
Non dobbiamo cedere a noi stessi, perchè noi siamo persone inaffidabili, persone che non possono avere il senso dell'amore che ha Dio....nessuno di noi amerebbe l'altro come Lui ci ha amati.
Guardiamo l'agonia di Gesù nei Getsemani: lì Lui era solo materialmente, perchè gli apostoli dormivano, ma questa Sua solitudine è stata colmata dall'Angelo consolatore mandato dal Padre. Ecco perchè Gesù ci insegna a non temere la solitudine...Egli sa cosa vuol dire e non vuole che pure noi ci sentiamo abbandonati come lo fu Lui.
E' difficile per chi è disperato per il pane quotidiano, per la famiglia, per la salute, il lavoro....ma Gesù sa tutto di noi e non serve rivolgersi a Lui con una preghiera tipo lista della spesa ( Gesù dammi questo, aiutami in quest'altro, ecc.) basta solo chiederGli il Suo amore...al resto penserà Lui.
La solitudine del nostro tempo solo così potrà essere abbattuta: solo con l'amore più grande del mondo: quello di Gesù per ciascuno di noi. Lorella

Translate

Vi presento Agata

Consiglialo agli amici