sabato 8 gennaio 2011

e tu Quanto sei disposto a rischiare ?


Questa domanda, forse ovvia e scontata ma che difficilmente ci poniamo è la domanda che implicitamente DIO ci chiede ogni volta che domandiamo lui una cosa, non si tratta di mercanteggiare quella cosa, ma di vedere realmente quanto amore abbiamo e quanto interesse abbiamo, sappiamo infatti che DIO ha una sua volontà e certe cose vanno per come devono, ma sappiamo anche che DIO si lascia commuovere dalle nostre preghiere, il tutto però è spesso bilanciato da quanto amore abbiamo nella preghiera, ed è una disposizione interiore, cosa siamo disposti a rinunciare ? Pensiamo il caso di Abramo, il quale venne richiesto il figlio.. lui per il Signore era disposto a rinunciarci, spesso DIO ci chiede questo, non a parole ma nel cuore, ripeto non solo questo può cambiare le sorti, DIO ha anche i suoi piani, ma la Scrittura è piena di esempi in cui DIO ha cambiato i suoi piani, un esempio eclatante è per esempio il racconto delle Nozze di Cana.. del resto l'esempio di preghiera c'è lo ha dato proprio il vangelo proprio nei fatti, tutte le persone che hanno avuto grazie enormi dal Signore sono stati disposti a rischiare.. e molte volte il Signore li ha proprio messi alla prova nella mortificare, pensiamo proprio alle nozze di Cana, dove Gesù chiede a Maria Santissima, cosa avesse a che fare con lei... Maria Santissima era disposta a rischiare, lo si è sempre quando si tiene a una cosa, infatti ha insistito, il caso del paralitico calato giù dal lettino, pensate quattro amici prendono un amico lo legano salgono sul tetto di una casa.. scoprono il tetto e calano il ragazzo con una corda Gesù se lo ritrova davanti e dice “i tuoi peccati ti sono stati perdonati” verrebbe da chiedersi “tutto qui?” una casa piena di gente che li avrà presi per pazzi, le aspettative del ragazzo.. eppure anche in quel caso la silenziosa insistenza, il non dire del ragazzo “va be ora me ne vado” hanno fatto ottenere la grazia, vediamo quanti lebbrosi hanno avvicinato Gesù durante la sua vita terrena, erano tutta gente che rischiavano seriamente di essere respinti, non dimentichiamoci che la Lebbra era fortemente infettiva, e i lebbrosi camminavano con una campana al collo proprio per avvertire gli altri di star lontani, pensiamo a quanto la gente dovesse schifarli, lo stesso San Francesco per sua stessa ammissione ne aveva il terrore !! queste persone trovano il coraggio di arrivare a Gesù, a un “notabile” e questi correvano il rischio di essere rifiutati, respinti, denunciati (perchè si sono avvicinati?) eppure hanno rischiato, ora pensiamo alla donna descritta nel vangelo di Marco al capitolo 5, una donna affetta da emorragie che si accontenta anche solo di toccare il lembo del mantello di Gesù per averne da lui la sua guarigione, la prova di Gesù è molto forte infatti le dice che le grazie erano solo per i figli di Israele, la donna non demorde e umiliandosi dice che anche i cani si saziavano delle briciole dei padroni, eh si perchè quando si ha tanta fame anche le briciole possono saziare, non ha detto va bene allora vattene tu e Israele pure !!, è stata premiata, e noi quanto siamo disposti a dare ? A rischiare quando chiediamo qualcosa ? Cosa diamo in cambio a DIO ? La cioccolata calda andata a male ? O la nostra dignità ? Se chiediamo qualcosa anche la salvezza di un uomo o di una donna, quanto nel nostro cuore saremmo disposti a dare per ottenerla ? Perchè questo DIO misura, anche quando abbiamo progetti, sapete ? Chi ha lavorato nel commercio lo sa, il valore di una cosa, non lo decide il venditore ma l'acquirente, perchè se un anello vale 20, significa che il mercato è disposto a dare 20 per ottenerlo... se il mercato non fosse disposto anche se l'anello fosse prezzato a 250 non sarebbe venduto e il prezzo imposto risulterebbe alto.. così è un po' anche per le preghiere, DIO misura quanto è importante quella cosa per noi da quanto nel nostro cuore saremmo disposti a rischiare per ottenerla.. che non è per forza quello che promettiamo (si promette anche a malincuore) ma quello che veramente saremmo disposti a dare e con un sorriso... non è detto che poi lui ce la chieda davvero, ma intanto vuol provare... vuol vedere, questo è fortemente correlato colla fede, ricordate quell'uomo che disse a Gesù “Signore se tu puoi”... il Signore risposte “tutto è possibile a chi crede”, e a chi vuole.. ma tu quanto sei disposto a rischiare ?


Pax et Bonum

(ispirato da un discorso di Salvatore)

Translate

Vi presento Agata

Consiglialo agli amici