mercoledì 2 febbraio 2011

vi parlo di una grande donna…

Cari amici,

per scrivervi questa cosa, prendo spunto da ciò che gira da un po' di tempo sui social network, ovvero quei siti di comunità virtuale, tanto amati e odiati dalla società moderna, sta circolando infatti la voce di mettere come immagine del profilo, una grandeMary donna del passato, per ricordare ai giovani, i molteplici esempi di donne che hanno avuto una enorme personalità, diventando famose, non per aver mostrato le grazie dei loro corpi, o per aver partecipato a qualche reality o nemmeno per aver ammazzato qualcuno, ma solo perchè hanno cercato di essere qualcuno; girando per questi posti quindi, delle donne che hanno aderito di vedono immagini di Lady Diana, di Oriana Fallaci, di varie attrici, o di studiose.. e poi ci sono le persone più religiose, che mettono immagini di Santa Faustina Kowalska,  una donna, che se andrò in cielo, sicuramente andrò a ringraziare, perché avendo ascoltato l'ispirazione di Gesù ha permesso che io (come penso molti altri di voi) guardassimo il Signore con occhi diversi, da come lo vedevo prima. Ovviamente se parliamo di grandi donne del passato, la persona alla quale dobbiamo far riferimento è sempre e comunque la Mamma Maria, lei è la figlia della perfezione, e se si va a riferirsi a lei, non si sbaglia... elencare le virtù della Madonna, è sicuramente un bell'argomento, 22650C che riaffronterò (in passato l'ho già fatto) anche se sicuramente c'è chi lo sa fare molto meglio di me.. a me invece preme raccontare un esempio, più vicina, a noi, Sant'Agata, vi domanderete, perchè ho scelto Sant'Agata, e io vi rispondo che oltre i motivi personali (per me è una sorella, non una semplice protettrice), Sabato 5/02 è la sua memoria, e quindi da buon concittadino, mi sembra giusto e doveroso parlare di lei, che appunto ho scelto come grande donna per questo “giochino” nato sui Social Network, non vi racconterò la sua vita, la potete trovare ovunque on line, qui ma anche in altri siti. Vi dirò invece cosa, la sua vita ci deve insegnare, innanzitutto parliamo di una giovanissima donna (le tradizioni vogliono sia stata martirizzata a 15 anni, realmente secondo molti studi ne avrebbe avuti circa 19), che subì il martirio per difendere la sua purezza, similmente infatti a come accade Santa Lucia (che come molti sanno fu miracolata da Sant'Agata), ella era una nobil donna, la quale il proconsole Catanese, allora Quinziano s'innamorò, ella aveva fatto invece fatto voto tra le “Vergini Consacrate del Signore” e voleva difendere la sua purezza, Quinziano non potendola avere fisicamente, l'attaccò con la “colpa” di essere Cristiana.. e dopo varie angherie (Tipo un mese di prigionia da una matrona di nome Afrodisia), la portò al Martirio.. strappandole le mammelle (guarite poi da DIO, per mezzo di San Pietro) e poi bruciandola in una fornace. Ho raccontato brevissimamente la sua storia, anche se vi invito a leggere di più.. perchè dall'esempio dei Santi c'è sempre da imparare... ovviamente in questi tempi l'attualità è tantissima, Sant'Agata fu la prima Vergine e Martire della Storia, ricordata fino al medioevo in ogni messa, ad esempio.. ma tutt'ora sembra parlarci.. innanzitutto con l'esempio dell'esimia purezza a imitazione propria di Maria Santissima, in un epoca dove si sfoggiano le parti del corpo per tutti i campi e in tutte le situazioni, e questo viene fatto passare come libertàS. Agata al carcere femminista, Agata, ci insegna che si può avere dignità di donna, senza spogliarsi, e si può essere bellissime anche senza scoprire il seno, che le capacità e l'intelligenza, il cuore e l'integrità morale, nulla centra col lo sfoggiare il proprio corpo.. un vero esempio per la società di oggi, che sembra essere fondata sullo “spogliati”, è impressionante vedere come questo abbia fatto presa anche sui ragazzini, basta proprio girare i social network per vedere le foto dei profili dei giovanissimi e/o giovanissime, Agata invece ci insegna che la bellezza, non è direttamente proporzionale alla volgarità, o all'impurità e che l'essere donna, è una dote dell'anima, non del corpo, personalmente ho trovato sempre bellissima, come cervello ma anche come femminilità Oriana Fallaci, che però non si è mai spogliata.. davanti a nessuno.. la purezza ovviamente non è solo nello spogliarsi ma anche nei pensieri, abbiamo davanti una persona giovane, nobile, ma che si è liberata da tutte queste “impurità del mondo” per dedicarsi all'unica purezza, degna di lode, Gesù, aiutava gli ammalati, pregava, ma non smetteva mai di guardare Gesù, questa purezza di intenzioni, di “sporcizia del mondo” l'ha portata senza difficoltà a testimoniare la sua fede, di fronte al martirio, sapendo benissimo che Gesù non l'avrebbe abbandonata, e che era più importante salvare la sua anima che il suo corpo, e che l'anima è per sempre, abbiamo davanti una persona che aveva studiato nelle migliori scuole dell'epoca di Catania, non una ragazza vuota e senza argomenti, una persona con grande dialettica, ma che espone DIO col cuore (Dio non lo si impara a scuola), e abbiamo davanti una donna caparbia, santamente presuntuosa di quello che vuole, non incostante e incoerente come spesso, invece lo siamo noi, con la nostra vita spirituale, ma anche nelle cose materiali, per esempio col comportamento con gli amici, abbiamo una persona che quindi può essere un esempio per l'odierna società per l'integrità morale, per la carità, per la personalità, per la caparbietà, per la fede; leggere la storia di Agata, si ci ritrova davanti una giovane dolce e buona, mite e umile, ma non per questo incoerente e debole, si ci ritrova l'immagine del Salvatore, umile con gli umili, forte coi superbi, che sa, senza presunzione che all'apparente sconfitta (la morte e il martirio) realmente “ha vinto il mondo” Agata Pietro che è certa che “la parte migliore” che si è scelta “non le verrà tolta”, come promette Gesù a Maria, che si lamenta della sorella “Marta”. Come si arriva a questa Roccia di fede ? Con la parola di DIO, masticandola, meditandola, amandola, ricevendo DIO nei sacramenti, nella Santa Messa, ma sopratutto nella preghiera, continua, senza interruzioni, non vivere per pregare, ma pregare per vivere, qualsiasi cosa si fa la si fa in unione con DIO, anche quando si dorme, quando si gioisce, quando si mangia... a tal proposito mi viene a ricordare il fatto di aver letto che gli Ebrei hanno una preghiera da recitare pure quando vanno in bagno, per ringraziare DIO, che il loro corpo funziona bene, del resto... noi diamo per scontato anche le cose più ovvie come andare in bagno.. eppure anche quello è un dono.. e fa parte della preghiera continua. Nutrirsi continuamente di DIO, respirare DIO, avere DIO, nel cuore fa si che la vita si viva in DIO, che si sia come dice S. Paolo “non più io che vivo ma Cristo che vive in me” ed è questo che viene a ricordarci Agata col suo semplice e umile esempio, in questi tempi di prova, di perdita di fede, di martirio (sia a colpi di spada che a colpi di spillo come diceva Santa Teresina del Gesù Bambino) è importante non perdere mai di vista questo semplice segnale per andare verso DIO, del resto i Santi, si dice sono “i Segnali Stradali”, che portano a DIO.. chiediamo ad Agata (si prega con i Santi, non si pregano i Santi dice Maria Santissima a Medjugorje) di chiedere a DIO, insieme a noi, di capire e di vivere il suo esempio, la Preghiera, I Sacramenti, la Purezza, e se è necessario anche il martirio.. che non per forza è quello fisico ma anche quello psicologico di un amico, di un collega, di un famigliare. Dopo aver meditato con voi questa riflessione, vi lascio con la Preghiera a Sant'Agata. Dio vi benedica e Pace e Bene.

MiryS-Locandina-SAgata(1) 

O gloriosa vergine e martire sant’Agata tu che sin dalla prima età consacrasti a Dio la mente e il cuore, tu che imitasti l’Agnello immacolato nell’esimia purezza della vita, nell’esercizio delle più eroiche virtù nella lotta gloriosa del martirio, prega per noi, ottienici di rassomigliarti: che la fede divina illumini la nostra mente e muova le nostre azioni; che siamo e ci mostriamo dappertutto cristiani, senza rispetto umano; che otteniamo per i tuoi meriti il trionfo sulle nostre passioni e sugli assalti di satana; che accesi come te di ardente zelo possiamo essere fatti degni di esercitare un santo apostolato a pro degli altri; che raggiungiamo il fine per cui il buon Dio ci creò e ci redense, la beata corona del paradiso. Amen.

Translate

Vi presento Agata

Consiglialo agli amici