venerdì 8 aprile 2011

la tua voce–racconto.

dal sito : www.piuchevincitori.com

vecchietti 2Due Vecchietti, dopo 40 anni di convivenza benedetta e fedele, si conoscevano abbastanza, ma ci fu un malinteso, quella mattina. Il nonno era un uomo gioviale, e abbastanza spontaneo, istintivo nelle sue reazioni e precipitoso nel parlare. La nonna, invece era più paziente, anche le sue reazioni erano più calme. Ad ogni attacco verbale rispondeva con il silenzio. E questi due nonni passavano gran parte della loro settimana soli, perché i loro tre figli sposati, non vivevano nella stessa città, e solitamente si incontravano solo per i fine settimana.

Era mercoledì, quando la discussione cominciò dalle prime ore dell’alba, all’ora della colazione regnava un gran silenzio e l’unico suono che riempiva la casa era il volume del televisore. Il nonno era lì che continuava a sparlare, spinto dal proprio istinto e la nonna con calma rimaneva in silenzio, così il nonno pensò a un modo per farla parlare, però senza che questo significasse ricominciare d’accapo il litigio.

per sempre noiCosì quando fu sera, il nonno cominciò a cercare nei cassetti, buttando tutto sul letto, così la nonna disse: “cosa cerchi?” e lui rispose: “l’ho trovato…. La tua voce”.

La voce è un dono di DIO, non permettiamo ai problemi di rubarci la meravigliosa opportunità di comunicare. Il silenzio è come il freddo che penetra nell’anima.

“Mia colomba, che stai nelle fessure delle rocce, nel nascondiglio delle balze, mostrami il tuo viso, fammi udire la tua voce; poiché la tua voce è soave, e il tuo viso è bello(Cantico dei cantici 2:14)

Translate

Vi presento Agata

Consiglialo agli amici