mercoledì 14 dicembre 2011

Anno nuovo : i propositi del 2012

Cari amici, era il 30 dicembre 2010 quando puntigliosamente scrivevo su blog, i propositi del 2011, e sembra passato un attimo e invece siamo alle soglie del 2012, e il mio dovere di piccolo blogger cristiano mi imporrebbe almeno per convenzione di fare un bilancio dell’anno appena trascorso e di riproporre quelli del 2012. Non temete, non sono così sadico e vi risparmierò codeste cose tediose, del resto,  Amici miei,  I propositi che mi propongo per il prossimo anno, sono simili a quelli dell’anno scorso visto che in quanto a bilanci riguardo la loro realizzazione.. beh stendiamo un velo pietoso.
Vista la situazione che ci circonda, penso che un bel proposito sarebbe proprio quello di cercare di vedere con ottimismo, è difficile visto che prima ancora di entrare il 2011, già si parlava della fine del mondo nel 2012, e visto che mentre prima era una cosa temuta ora è una cosa addirittura auspicata, visto la crisi nascente e crescente, tuttavia, voglio sforzarmi di essere ottimista, anche perché se non lo fossi, significherebbe non aver fiducia in colui che tutto può.
Mentre molte discoteche e giovani si organizzano festini e orge per la fine del mondo, tutte fissate il 20/12/2012 (Signori ci vediamo il 22… voglio vedere le vostre facce okay ?), io sono dell’idea che i nostri giovani, ma in particolare i giovani del futuro (quindi quelli che sono attualmente bambini) ci stupiranno, non a caso ho scritto, nel mio altro blog, il post “I Giovani e il loro insegnamento”.
Ho appena avuto la gioia e la benedizione, ma anche la responsabilità della nascita della mia secondogenita, non posso però non chiedermi quale sarà il suo futuro in un contesto storico dove le parole forti sono : Disoccupazione, Crisi, Tasse, Povertà, Malasanità… e basta non ne scrivo più che già mi è passata la depressione; in un contesto sociale, dove pure quando si guardano programmi per bambini si vedono modelle seminude, dove i reality imperano dando l’effimera speranza di un guadagno facile in cambio di un briciolo di dignità, e dove i Social sono sempre più diretti a essere un palazzo di vetro per un grande osservatorio, dove noi, miseri internauti sembriamo intrappolati in una sorta di the Thurman Show (vedere Post Social Ying e Yang di una Società digitale e Tutto quello che pubblichi è per sempre).
Nella nostra bellissima pagina, su Facebook (e siamo anche su Twitter----> QUI ), L’amore di Gesù e Maria Trionfa sempre, ho chiesto di pregare Gesù bambino di donare un cuore a chi non c’è l’ha, e oserei dire anche di donare un cervello, visto che l’umanità sembra sempre più impazzita, l’altra sera linkando varie notizie di attualità alcune a dir poco sconvolgenti, una nostra Seguace su Facebook ha scritto “ma cosa sta succedendo ? non si capisce più niente”, L’umanità sembra impazzita, ma anche in questo caso ho fiducia, proprio oggi ho letto sempre su Facebook una citazione di Albert Einstein, sapete che lo stimo, ho scritto persino QUESTO POST in questo blog, che tutto sommato condivido :


Non possiamo  pretendere che  le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose.
La crisi è la più grande benedizione  per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall'angoscia come il giorno nasce dalla  notte oscura. E' nella crisi che sorge l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi  supera sé stessosenza essere 'superato'. Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e difficoltà, violenta il suo stesso talento e dà più valore ai problemi che alle soluzioni. La vera crisi, è la crisi dell'incompetenza. L' inconveniente delle   persone e delle nazioni  è la pigrizia nel cercare soluzioni e vie di uscita. Senza crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non c'è merito. E' nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perché senza crisi tutti i venti sono solo lievi brezze. Parlare di crisi significa incrementarla, e tacere nella crisi è esaltare il  conformismo. Invece, lavoriamo duro. Finiamola una volta per tutte con l'unica crisi pericolosa, che  è la tragedia di non voler lottare per superarla.



Eh si, cari amici, l’ho scritto varie volte anche qui, sono fermamente convinto che la vita sia dinamismo e non staticità, che qualcosa di fermo sia qualcosa di morto, ma la vita è movimento, chi non vuol cambiare non vuole nemmeno vivere, sono convinto che tutto ciò che non è vivo è statico, fermo, ma siamo noi (insieme DIO ) a muovere le cose, cambiarle, mutarle, dar loro movimento, dar loro un anima.. sono fermamente convinto che la società non è solo un gruppo di persone astratte, ma noi siamo la società, anzi IO sono la società TU che leggi sei la società, non esiste “è colpa di questo o di quello della fortuna o del malocchio” Siamo noi che quotidianamente costruiamo la nostra storia insieme a DIO, e insieme agli altri esseri viventi con la quale condividiamo la nostra avventura qui sulla terra
E, alla fine di tutto questo lungo post se mi chiederete: “Quali sono i tuoi propositi per il 2011 ?” risponderò “vivere”.
ah dimenticavo e chi di voi vuole può leggersi anche la Lettera che ho scritto quest'anno a Gesù Bambino. 

Translate

Vi presento Agata

Consiglialo agli amici