domenica 8 gennaio 2012

Essere Cristiano "Freelance"

Cercate il Signore, mentre si fa trovare, invocatelo, mentre è vicino. L’empio abbandoni la sua via e l’uomo iniquo i suoi pensieri; ritorni al Signore che avrà misericordia di lui e al nostro Dio che largamente perdona. Perché i miei pensieri non sono i vostri pensieri, le vostre vie non sono le mie vie. Oracolo del Signore. Quanto il cielo sovrasta la terra, tanto le mie vie sovrastano le vostre vie, i miei pensieri sovrastano i vostri pensieri. Come infatti la pioggia e la neve scendono dal cielo  e non vi ritornano senza avere irrigato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, perché dia il seme a chi semina e il pane a chi mangia, così sarà della mia parola uscita dalla mia bocca:
non ritornerà a me senza effetto, senza aver operato ciò che desidero e senza aver compiuto ciò per cui l’ho mandata».
(Is. 55)


Quante persone conosciamo credono in DIO ? penso molti forse la maggior parte, esistono moltissimi Cristiani e persino Cattolici e almeno a parole il Cattolicesimo dovrebbe essere una delle religioni più praticate al mondo, Quante persone hanno letto la parola di DIO in cui dicono di Credere ? Quante persone partecipano alla liturgia ? quante non hanno paura di essere perseguitati in nome di Gesù ? il numero diminuisce drasticamente.

Ciò accade perché molti Cristiani sono al giorno d’oggi Cristiani un po’ “Freelance” ovvero che lavorano come quei fotoreporter a gettone, senza datore di lavoro, per conto proprio con le proprie regole, uno degli esempi più comuni di questo modo di essere è il famoso Status di molti cristiani “Sono cattolico ma non praticante” se ci pensiamo è un po’ strano dire “sono cattolico ma non praticante”… pensate se dovreste chiedere a un uomo “che mestiere fai?” e quello dicesse “Sono un poliziotto, ma i criminali non li arresto”, oppure a un dottore che dice “Sono un medico ma non amo i medicinali”, che senso ha ? Anche i Demoni Credono in DIO, ma loro non sono praticanti.

Credere in DIO, è una cosa, essere Cristiano è un'altra, essere Cattolico è un'altra ancora, mi spiego meglio per non essere frainteso, un Cattolico deve per forza essere cristiano e naturalmente credere in DIO, ciò però non significa che chiunque creda in DIO è Cattolico o è Cristiano, pensiamo per esempio ai Testimoni di Geova, loro credono in DIO, ma non credono nella Divinità di Gesù Cristo, quindi non sono Cristiani, ne tantomeno cattolici, c’è poi chi crede in un dio che non è il nostro DIO, puoi chiamarlo oroscopo, kabala, new age, superstizione, puoi chiamarlo dio-uomo (cioè l’uomo al centro dell’universo), è pur sempre un dio (almeno per loro) ma non è il nostro DIO.
  • Credere in DIO Significa essere consapevoli che non ci siamo fatti da soli, che qualcuno o qualcosa governa le nostre vite.. chi o cosa lo faccia a questo stadio è ancora da definire, 
  • Essere Cristiani Significa credere che Gesù Cristo è DIO, e sforzarsi in tutti i modi di vivere seguendo il suo insegnamento, come facevano i Discepoli e gli Apostoli ai loro tempi.
  • Essere Cattolici Significa credere che il PAPA è il vicario di Cristo in Terra, credere all’infallibilità della chiesa, sapere di avere validi intercessori in cielo che sono in primis la Madonna, Maria Santissima, San Michele Arcangelo, Sant’Agata, tutti i santi e anche i nostri cari defunti.
Probabilmente tutto questo può risultare difficile se si è “cattolici” per sentito dire, se si conoscono i versi del vangelo solo per come sono riportati, se si pensa ancora che Gesù abbia detto a Lazzaro “Alzati e Cammina” quando invece ha detto “vieni fuori”, o se si crede che DIO abbia impedito a Eva di mangiare una semplice mela, quando il frutto dell’albero della conoscenza del bene e del male non è MAI specificato, proprio perché non è un frutto, ma una conseguenza,  che si chiedono quand'è che DIO ha imposto ai bambini di battezzarsi da piccoli, che sia più giusto battezzarsi da grandi, quando possono capire, dimenticando però che DIO ad Abramo ha imposto la circoncisione dopo 8 giorni, che Gesù stesso è stato circonciso e offerto al tempio.

Probabilmente si cade nella tendenza di dire “Signore Signore” perché “Il Signore è grande” e quindi deve pensare a punire tutte le ingiustizie del mondo (tranne quelle che commettiamo noi, ci mancherebbe).

Probabilmente si pensa che se il papa donasse uno dei suoi anelli si risolverebbe la fame nel mondo (pensate se ognuno di noi rinunciasse a un caffè, forse non risolveremo la fame nel mondo, ma certamente nel nostro quartiere … e considerando che i Cristiani stanno in tutto il mondo … )
Probabilmente si pensa che le cose le debbano fare sempre gli altri, e invece gli altri siamo noi, non ci rendiamo conto che anche il giusto pecca sette volte al giorno (è scritto nella Bibbia), ora premesso il fatto che il sottoscritto non è un giusto e che sicuramente molti di quelli che leggeranno sono più giusti di me, quali sono i peccati che commettiamo più frequentemente ? ci avete mai pensato ?..... i peccati di omissione !! Non possiamo dire di non farne suvvia, siamo sinceri, pensiamoci bene …:
  • Quante volte omettiamo di parlare di Gesù ?
  • Quante volte omettiamo di impedire un peccato grave (es. l'aborto) ?
  • Quante volte omettiamo di difendere la nostra fede e la nostra chiesa ?
  • Quante volte potremmo fare bene e omettiamo di farlo ?
  • Quante volte ci dimentichiamo dei 10 comandamenti per non fare brutta figura con gli altri ? diventando anche noi Cristiani Lapsi ?

Se ci pensiamo bene facciamo ogni giorno gravi peccati di omissione, per paura, quando invece il Signore ci ha detto di NON TEMERE, che lo SPIRITO SANTO ci illuminerà su ogni cosa, il vero proposito quindi che di dobbiamo proporre per quest’anno nuovo è quello di non essere Cristiani Lapsi ( o Freelance come ho detto poco fa), ma di essere Cristiani nel quale : “Come infatti la pioggia e la neve scendono dal cielo  e non vi ritornano senza avere irrigato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, perché dia il seme a chi semina e il pane a chi mangia, così sarà della mia parola uscita dalla mia bocca:
non ritornerà a me senza effetto, senza aver operato ciò che desidero e senza aver compiuto ciò per cui l’ho mandata”


Come Maria,  che all'annuncio dell'angelo si alzava e correva verso sua cugina, come i discepoli.. come insomma tutti i Cristiani VERI e degni di tale nome.

Mai più Cristiani Lapsi o Freelance o “non praticanti” ma solo e sempre Cristiani col Sangue di Gesù Cristo.

Translate

Vi presento Agata

Consiglialo agli amici