martedì 5 giugno 2012

Preghiera libera

Caro Padre, so di essere un peccatore e di aver fatto cose cattive.
So che tu hai mandato Gesù per salvarci, Lui è morto in croce anche per prendere la punizione per i nostri peccati..
Io so che Gesù è risorto dai morti ed è tornato.
Perdo
naci tutti i peccati, abbi misericordia di noi e di tutte le anime innocenti che soffrono, aiuta i poveri, i disoccupati, i senza tetto e tutti gli afflitti da calamità naturali, dona loro forza e coraggio e una speciale benedizione affinché possano ritrovare la strada della felicità nell'essensialità del tuo amore.
E anche noi che vediamo queste cose dall'esterno aiutaci a rimanere in umiltà a non sentirci migliori o più santi ed avere carità per i nostri fratelli ricordandoci delle tue parole:


"In quel tempo, si presentarono a Gesù alcuni a riferirgli circa quei Galilei, il cui sangue Pilato aveva mescolato con quello dei loro sacrifici.
Prendendo la parola, Gesù rispose: "Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subito tale sorte? No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. O quei diciotto, sopra i quali rovinò la torre di Siloe e li uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme?
No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo".
Disse anche questa parabola: "Un tale aveva un fico piantato nella vigna e venne a cercarvi frutti, ma non ne trovò. Allora disse al vignaiolo: Ecco, son tre anni che vengo a cercare frutti su questo fico, ma non ne trovo. Taglialo. Perché deve sfruttare il terreno? Ma quegli rispose: Padrone, lascialo ancora quest'anno, finché io gli zappi attorno e vi metta il concime e vedremo se porterà frutto per l'avvenire; se no, lo taglierai".
Dal Vangelo secondo Luca 13,1-9

Translate

Vi presento Agata

Consiglialo agli amici