martedì 28 maggio 2013

La fine del mondo è vicina ? le profezie e le bufale

E' un argomento molto dibattuto in questo periodo la presunta e imminente "fine del mondo", sarà perché ci portiamo ancora appresso le "paure" della profezia dei Maya (che noi abbiamo smentito anni fa in questo articolo: Il mondo finirà davvero nel 2012 ? datato Dicembre 2009), Sarà che i rumori di guerra è carestia ci ricordano tanto il discorso escatologico di Gesù, sarà che la profezia di San Malachia voleva che Benedetto XVI fosse l'ultimo papa, le teorie su una imminente visita di nostro Signore si fanno pressanti.

Prima di iniziare però faccio delle doverose premesse:
- Affronterò il tema in chiave Cattolico-Cristiana, non mi importa delle profezie date da nostradamus, ne della visione della fine del mondo che hanno i testimoni di Geova, questo è un sito cattolico si parla di quel che è la nostra fede.
- Non siamo qui per dare date (il Signore ci ammonisce dal farlo), ma dal chiarire le idee su quelle che sono le bufale più frequenti e le teorie più accreditate.

Detto questo possiamo iniziare.

Fine dei tempi o fine del mondo ?


Iniziamo a fare questa distinzione semantica, nelle apparizioni più accreditate (Garabandal, Medjugorje) si parla di fine dei tempi, mai di fine del mondo, potreste obiettarmi che il significato è simile, e di fatto potrebbe essere vero, ma semanticamente parlando, fine del tempo non significa fine del mondo, potrebbe coincidere ma non è detto.

Millenarismo, cosa è ?


Senza confonderci con la teoria millenaristica dei testimoni di Geova, dobbiamo sapere che esiste una corrente millenaristica anche nel cattolicesimo.
Prima dell'avvento di Sant'Agostino, i padri della Chiesa pensavano che le venute di Gesù siano totale tre una come Re di Dolori, predetta da ISAIA, una come Re di GLORIA (predetta da DANIELE) e una come Re GIUDICE (predetta da Gesù Stesso), la venuta come Re di Dolori è già avvenuta, le altre due hanno da venire.
Su cosa si fonda questa dottrina ?
Sul Capitolo 20 dell'apocalisse:
1 Poi vidi un angelo che scendeva dal cielo e che aveva la chiave dell'Abisso e una gran catena in mano. 2 Egli prese il dragone, il serpente antico, che è il diavolo e Satana, e lo legò per mille anni, 3 poi lo gettò nell'abisso che chiuse e sigillò sopra di lui, perché non seducesse più le nazioni finché fossero compiuti i mille anni, dopo i quali dovrà essere sciolto per poco tempo. 4 Poi vidi dei troni, e a quelli che vi sedettero fu dato la potestà di giudicare, e vidi le anime di coloro che erano stati decapitati per la testimonianza di Gesù e per la parola di Dio, e che non avevano adorato la bestia né la sua immagine e non avevano preso il suo marchio sulla loro fronte e sulla loro mano. Costoro tornarono in vita e regnarono con Cristo per mille anni. 5 Ma il resto dei morti non tornò in vita finché furono compiuti i mille anni. Questa è la prima risurrezione. 6 Beato e santo è colui che ha parte alla prima risurrezione. Su di loro non ha potestà la seconda morte, ma essi saranno sacerdoti di Dio e di Cristo e regneranno con lui mille anni. 7 E quando quei mille anni saranno compiuti, Satana sarà sciolto dalla sua prigione 8 e uscirà per sedurre le nazioni che sono ai quattro angoli della terra, Gog e Magog, per radunarle per la guerra; il loro numero sarà come la sabbia del mare. 9 Esse si muoveranno su tutta la superficie della terra e circonderanno il campo dei santi e la diletta città. Ma dal cielo scenderà fuoco, mandato da Dio, e le divorerà. 10 Allora il diavolo, che le ha sedotte sarà gettato nello stagno di fuoco e di zolfo, dove sono la bestia e il falso profeta; e saranno tormentati giorno e notte, nei secoli dei secoli. 11 Poi vidi un gran trono bianco e colui che vi sedeva sopra, dalla cui presenza fuggirono il cielo e la terra, e non fu più trovato posto per loro. 12 E vidi i morti, grandi e piccoli, che stavano ritti davanti a Dio, e i libri furono aperti; e fu aperto un altro libro, che è il libro della vita; e i morti furono giudicati in base alle cose scritte nei libri secondo le loro opere. 13 E il mare restituì i morti che erano in esso, la morte e l'Ades restituirono i morti che erano in loro, ed essi furono giudicati, ciascuno secondo le sue opere. 14 Poi la morte e l'Ades furono gettati nello stagno di fuoco. Questa è la morte seconda. 15 E se qualcuno non fu trovato scritto nel libro della vita, fu gettato nello stagno di fuoco.  

Tradotto in soldoni significa che secondo questa teoria Dopo l'avvento dell'anticristo verrà Gesù come re di gloria, incatenerà satana per mille anni (periodo simbolico) per scioglierlo, satana farà l'attacco finale e dopo di ché ci sarà il giudizio (su questa teoria si fondano le rivelazioni a Maria Valtorta).

Sant'Agostino, nella sua esegesi dell'apocalisse invece asserisce che questo periodo indica il periodo che va dalla prima alla seconda venuta e che il regno di cristo è dettato dalla presenza dell'eucaristia.

Precisiamo che sebbene la Chiesa sia più propensa a insegnare la versione di Sant'Agostino, non è eretico credere alla teoria millenaristica.

Le stesse apparizioni di Medjugorje sembrano preannunciare dopo un periodo di grande tribolazione (dato dai 10 segreti) un periodo di pace, non si parla di fine del mondo, ma di periodo di pace, che siano i mille anni ?

Profezia di San Malachia (ultimo papa)

è un testo attribuito a san Malachia, vescovo di Armagh vissuto nel XII secolo, contenente 111 brevi motti in latino che descriverebbero i papi (compresi alcuni antipapi) a partire da Celestino II, eletto nel 1143. Dopo i motti, al termine della profezia, è presente un testo in latino che prevederebbe, durante il pontificato di un certo Pietro romano (non necessariamente immediato successore dell'ultimo papa della lista), la distruzione di una città dai sette colli (citazione Wikipedia)
La profezia per molti studiosi è falsa (sebbene qualcuno ci abbia addirittura creato un sito), i motivi sono molteplici:
- Per quattro secoli, nessuno aveva mai saputo nulla del documento. Anche nella dettagliata biografia di Malachia scritta da Bernardo di Chiaravalle, grande amico di Malachia, la profezia non viene minimamente menzionata
- Una prova importante a sostegno della falsità dello scritto è data dal fatto che il motto di alcuni fra i papi più antichi venne elaborato sulla base di indicazioni biografiche o araldiche errate

e anche altri che potete trovare nella rispettiva pagina di Wikipedia.

Questa profezia comunque indicava Benedetto XVI come ultimo papa, prima della distruzione della "città dai sette colli", come sappiamo c'è un nuovo papa, e questa distruzione non è (ancora) avvenuta.

La profezia di Fatima.


Giovanni Paolo II quando l'annunciò l'attribui a se stesso e all'attentato subito, tuttavia lo scenario della terza parte del segreto è molto più oscura:
"Scrivo in atto di obbedienza a voi mio Dio, che me lo comandate per mezzo di sua Eccellenza Reverendissima il signor Vescovo di Leiria e della Vostra e Mia Santissima Madre. Dopo le due parti che ho già esposto, abbiamo visto a lato sinistro di nostra Signora un poco più in alto un Angelo con una spada di fuoco nella mano sinistra; scintillando emetteva fiamme che sembra dovessero incendiare il mondo; ma si spegnevano al contatto dello splendore che Nostra Signora emanava dalla sua mano destra verso di lui: l'Angelo indicando la terra con la mano destra, con voce forte disse: Penitenza, Penitenza, Penitenza. E vedemmo in una luce immensa che è Dio: 'Qualcosa di simile a come si vedono le persone in uno specchio quando vi passano davanti' un Vescovo vestito di Bianco 'abbiamo avuto il presentimento che fosse il Santo Padre'. Vari altri vescovi, sacerdoti, religiosi e religiose salire su una montagna ripida, in cima alla quale c'era una grande Croce di tronchi grezzi come se fosse di sughero con la corteccia; il Santo Padre, prima di arrivarvi, attraversò una grande città mezza in rovina e mezzo tremulo con passo vacilante, afflitto di dolore e di pena, pregare per le anime dei cadaveri che incontrava nel suo cammino; giunto alla cima del monte, prostrato in ginocchio ai piedi della grande Croce venne ucciso da un gruppo di soldati che gli spararono vari colpi d'arma da fuoco e frecce, e allo stesso modo morirono gli uni dopo gli altri i Vescovi Sacerdoti, religiosi e religiose e varie persone secolari, uomini e donne di varie classi e posizioni. Sotto i due bracci della Croce c'erano due Angeli ognuno con un innaffiatorio di cristallo nella mano, nei quali raccoglievano il sangue dei Martiri e con esso irrigavano le anime che si avvicinavano a Dio". (Fatima 17 Luglio 1917)
Senza contare la differenza (Sempre semantica) tra "vescovo vestito di bianco" e il "Santo Padre" (Che ci sia un falso papa ? non sarebbe la prima volta, vedi Esilio di Avignone).
Su questo segreto ci sono anche delle controversie:
Alcuni studiosi dell'apparizione di Fatima, fra cui il sacerdote Padre Nicholas Gruner, il giornalista italiano Antonio Socci, l'avvocato americano Christopher A. Ferrara, sostengono la tesi che non tutto del segreto di Fatima sia stato ancora rivelato. In particolare ritengono che dopo la frase di Suor Lucia, contenuta nella sua quarta memoria: "In Portogallo, si conserverà sempre il dogma della fede, ecc." ci debba essere dell'altro. Il terzo segreto è infatti una visione, e così come la Madonna spiega nella seconda parte del segreto la visione contenuta nella prima parte, analogamente ritengono che debba esistere una quarta parte che spiega la visione contenuta nel terzo segreto. Inoltre il movimento fatimita guidato da Padre N. Gruner sostiene fermamente che la consacrazione della Russia richiesta dalla Madonna a suor Lucia non sia stata compiuta nei termini e nei modi richiesti, e quindi sarebbe ancora da fare [ fonte Wikipedia].


I tre giorni di buio.


Questa è una profezia celeberrima, attribuita a non so quante figure religiose della nostra epoca, Padre Pio, Santa Faustina, Veggenti di Medjugore (ovviamente nessuna conferma da parte di nessuno di essi) e che troverebbe il suo fondamento nelle frasi di Gesù nel suo discorso escatologico (Marco Capitolo 24 versetto 29):
Il sole si oscurerà, la luna non darà più la sua luce, gli astri cadranno dal cielo e le potenze dei cieli saranno sconvolte.
La profezia parla di tre giorni di buio totale in cui tutti i demoni usciranno dall'inferno per uccidere chiunque troveranno sulla terra. L'aria sara pestilenziale e chi vorrà salvarsi dovrà chiudere ermeticamente tutte le finestre e le porte di casa, sigillandole. I demoni allora si prenderanno gioco delle persone e fingeranno di essere dei parenti o conoscenti rimasti fuori per sbaglio, giusto per farsi aprire la finestra per poi ucciderli. Non ci sarà luce e non ci sarà elettricità (nemmeno le batterie funzioneranno) perciò si rimarrà completamente al buio mentre l'unica cosa che potrà fare luce sono le candele benedette che però non faranno luce agli empi. In questi tre giorni dobbiamo avere da bere e da mangiare per sopravvivere e alla fine del terzo giorno la terra sarà come un deserto, cioè sarà tutto distrutto. 
Sebbene nessuno di noi conosca la volontà di DIO, i punti deboli di questa profezia possono essere smentiti, e vi consiglio di leggere questo articolo: Falsa profezia 3 giorni di buio

Dopo aver elencato alcune delle controversie legate alla fine del mondo citiamo il nostro caro buon maestro Gesù e vediamo quanto ci dice in proposito (Matteo Capitolo 24):

Mentre Gesù, uscito dal tempio, se ne andava, gli si avvicinarono i suoi discepoli per fargli osservare le costruzioni del tempio. 2 Gesù disse loro: «Vedete tutte queste cose? In verità vi dico, non resterà qui pietra su pietra che non venga diroccata». 3 Sedutosi poi sul monte degli Ulivi, i suoi discepoli gli si avvicinarono e, in disparte, gli dissero: «Dicci quando accadranno queste cose, e quale sarà il segno della tua venuta e della fine del mondo».


4 Gesù rispose: «Guardate che nessuno vi inganni; 5 molti verranno nel mio nome, dicendo: Io sono il Cristo, e trarranno molti in inganno. 6 Sentirete poi parlare di guerre e di rumori di guerre. Guardate di non allarmarvi; è necessario che tutto questo avvenga, ma non è ancora la fine. 7


Si solleverà popolo contro popolo e regno contro regno; vi saranno carestie e terremoti in vari luoghi; 8 ma tutto questo è solo l'inizio dei dolori. 9 Allora vi consegneranno ai supplizi e vi uccideranno, e sarete odiati da tutti i popoli a causa del mio nome. 10 Molti ne resteranno scandalizzati, ed essi si tradiranno e odieranno a vicenda. 11 Sorgeranno molti falsi profeti e inganneranno molti; 12 per il dilagare dell'iniquità, l'amore di molti si raffredderà. 13 Ma chi persevererà sino alla fine, sarà salvato.


14 Frattanto questo vangelo del regno sarà annunziato in tutto il mondo, perché ne sia resa testimonianza a tutte le genti; e allora verrà la fine.


15 Quando dunque vedrete l'abominio della desolazione, di cui parlò il profeta Daniele, stare nel luogo santo - chi legge comprenda -, 16 allora quelli che sono in Giudea fuggano ai monti, 17 chi si trova sulla terrazza non scenda a prendere la roba di casa, 18 e chi si trova nel campo non torni indietro a prendersi il mantello. 19 Guai alle donne incinte e a quelle che allatteranno in quei giorni. 20 Pregate perché la vostra fuga non accada d'inverno o di sabato.


21 Poiché vi sarà allora una tribolazione grande, quale mai avvenne dall'inizio del mondo fino a ora, né mai più ci sarà.


22 E se quei giorni non fossero abbreviati, nessun vivente si salverebbe; ma a causa degli eletti quei giorni saranno abbreviati.


23 Allora se qualcuno vi dirà: Ecco, il Cristo è qui, o: E' là, non ci credete. 24 Sorgeranno infatti falsi cristi e falsi profeti e faranno grandi portenti e miracoli, così da indurre in errore, se possibile, anche gli eletti.


25 Ecco, io ve l'ho predetto. L'avvento del Figlio dell'uomo sarà manifestato 26 Se dunque vi diranno: Ecco, è nel deserto, non ci andate; o: E' in casa, non ci credete. 27 Come la folgore viene da oriente e brilla fino a occidente, così sarà la venuta del Figlio dell'uomo. 28 Dovunque sarà il cadavere, ivi si raduneranno gli avvoltoi.


29 Subito dopo la tribolazione di quei giorni, il sole si oscurerà, la luna non darà più la sua luce, gli astri cadranno dal cielo e le potenze dei cieli saranno sconvolte.


30 Allora comparirà nel cielo il segno del Figlio dell'uomo e allora si batteranno il petto tutte le tribù della terra, e vedranno il Figlio dell'uomo venire sopra le nubi del cielo con grande potenza e gloria.


31 Egli manderà i suoi angeli con una grande tromba e raduneranno tutti i suoi eletti dai quattro venti, da un estremo all'altro dei cieli. Parabola del fico 32 Dal fico poi imparate la parabola: quando ormai il suo ramo diventa tenero e spuntano le foglie, sapete che l'estate è vicina. 33 Così anche voi, quando vedrete tutte queste cose, sappiate che Egli è proprio alle porte. 34 In verità vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto questo accada. 35 Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.


36 Quanto a quel giorno e a quell'ora, però, nessuno lo sa, neanche gli angeli del cielo e neppure il Figlio, ma solo il Padre. Vegliare per non essere sorpresi 37 Come fu ai giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell'uomo. 38 Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e marito, fino a quando Noè entrò nell'arca, 39 e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e inghiottì tutti, così sarà anche alla venuta del Figlio dell'uomo. 40 Allora due uomini saranno nel campo: uno sarà preso e l'altro lasciato.


41 Due donne macineranno alla mola: una sarà presa e l'altra lasciata. 42 Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. 43 Questo considerate: se il padrone di casa sapesse in quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. 44 Perciò anche voi state pronti, perché nell'ora che non immaginate, il Figlio dell'uomo verrà. Parabola del maggiordomo 45 Qual è dunque il servo fidato e prudente che il padrone ha preposto ai suoi domestici con l'incarico di dar loro il cibo al tempo dovuto? 46 Beato quel servo che il padrone al suo ritorno troverà ad agire così! 47 In verità vi dico: gli affiderà l'amministrazione di tutti i suoi beni. 48 Ma se questo servo malvagio dicesse in cuor suo: Il mio padrone tarda a venire, 49 e cominciasse a percuotere i suoi compagni e a bere e a mangiare con gli ubriaconi, 50 arriverà il padrone quando il servo non se l'aspetta e nell'ora che non sa, 51 lo punirà con rigore e gli infliggerà la sorte che gli ipocriti si meritano: e là sarà pianto e stridore di denti.

Sono questi i tempi ?


Ovviamente è difficile dirlo, sicuramente ci avviamo verso un periodo di "grande tribolazione" e alcune cose si stanno ricapitolando, i martiri cristiani (specie in paesi arabi e orientali) sono in continuo aumento e le apparizioni trentennali di Medjugorje non possono essere una casualità.

San Luigi Maria de Grignon de Montfort, autore del celeberrimo Trattato di Vera devozione a Maria (che ha ispirato personalità come Giovanni Paolo II con suo motto Totus Tuus), fece una curiosa profezia sugli ultimi tempi, disse che come Gesù era venuto la prima volta per mezzo di Maria doveva regnare per mezzo di Maria.
Disse anche che gli ultimi tempi sarebbero stati quelli di Maria, dove avrebbe formato il suo esercito che avrebbe avuto come armi Rosario e Crocifisso.
Disse anche che il suo libro sarebbe stato ritrovato quando sarebbero iniziati questi tempi (fu ritrovato circa 100 anni dopo qualche tempo dopo ci furono le apparizioni di Rue du Bac e della Medaglia Miracolosa).

C'è anche la celeberrima profezia fatta da Gesù a Suor Faustina, a cui dice che dalla Polonia avrebbe fatto venire la scintilla che avrebbe preparato il mondo alla sua ultima venuta (Giovanni Paolo II ?)

Noi non sappiamo il giorno ne l'ora e tutte queste sono supposizioni che vere o meno devono farci ricordare che l'escatologia sta davanti, non dietro e che a noi non spetta sapere il giorno e l'ora (potrebbe finire il mondo domani, ma noi morire oggi) ma farci trovare pronti, perché quando il Signore verrà (Come un ladro nella notte) per noi possa essere motivo di festa e non motivo di vergogna.

Sia Lodato Gesù Cristo.
Pax et Bonum

(un ringraziamento speciale va all'amministratrice della nostra pagina facebook L'amore di Gesù e Maria Trionfa sempre+Federica  per avermi ispirato nello scrivere questo lungo articolo).
Grazie.





Translate

Vi presento Agata

Consiglialo agli amici