domenica 18 agosto 2013

Dio si è dimenticato di noi ?

Una vecchia canzone diceva "l'estate sta finendo è l'anno finirà..."

Ogni giorno mi capita di leggere notizie, internet te le spara davanti come un bombardamento di luci e immagini e specialmente se sei iscritto in un social tutto è li, senza filtro.

Spesso mi trovo a condividerle e commentarle nella nostra pagina "L'amore di Gesù e Maria Trionfa sempre", e parlando con i fans o leggendo i loro commenti mi rendo conto di quanto ormai siamo talmente abituati al male da aver sviluppato una specie di rassegnazione, che forse è il peggiore di tutti i mali.

Io per primo quando leggo certe notizie, penso a quanta poca speranza abbiamo nel mondo, mi chiedo che fine faremo e a volte mi domando se DIO si è dimenticato di noi, anche se poi mi rendo conto che semmai è il contrario e siamo noi a esserci dimenticati di lui.

Così in giro leggiamo notizie di gente disumana che uccide, violenta, distrugge.
Per strada vediamo gente con sguardo severo, triste perennemente in corsa per se stessi, sfiduciati e stanchi della vita, disillusi e .. rassegnati.

La cosa che però mi rattrista di più è vedere questi occhi nei giovani, che tra quelli incavolati, quelli che hanno preso pratiche cattive ci sono anche quelli tristi, disillusi, che non hanno più fame, che non hanno più voglia di lottare, che non hanno più speranze.

Sapete come la penso sui giovani, sono loro il nostro futuro, quindi se loro non hanno speranze, il nostro futuro è senza speranza.

E' un periodo un po' "Bordeline".

E probabilmente è tutta colpa nostra.

Ora mi direte "Ma tutto questo cosa centra con Gesù" ?
E' qui che casca l'asino, noi dovremmo portare speranza, gioia (ricordate la storia del "Sale della terra" ?) e invece siamo i primi disperati, tristi, disillusi e infedeli.
Come possiamo portare DIO a qualcuno se non lo abbiamo nemmeno noi ?

Ma questo post non ha lo scopo di far prediche, non sono la persona adatta per farle e non mi piace fare il maestrino, quando l'ho fatto il Signore mi ha fatto uscire sempre con le ossa rotte, e ha fatto bene, almeno mi ha fatto capire che non sono nessuno.

Sono un appassionato di tecnologia, che però vede come questo mondo sta diventando sempre un surrogato dei sentimenti, i contatti, le speranze, così come è un surrogato un videogioco, per quanto realistico rispetto alla vita reale.

Anche la religione sta diventando un surrogato di quella vera, magari condividiamo un Padre Nostro invece di recitarlo, e mettiamo un avatar di Gesù piuttosto che adorarlo, questa è la nostra religione e diventiamo poveri di luce, sale senza sapore.

Analizzando i social, si nota come la gente condivida foto dove si diverte associata ad account di assoluta infelicità.
Foto con cui condivide il proprio orgoglio a Gesù dicendo che non si ha tempo di pregare.

Forse questa analisi un pò negativa è frutto di un periodo politico, sociale, poco chiaro, forse si avverte una confusione religiosa, o forse come diceva una volta un sacerdote di mia conoscenza abbiamo bisogno di tornare ai nostri genitori, Gesù e Maria.

Forse Semplicemente abbiamo bisogno di spegnere il PC e tornare a pregare, che dite ?

Intanto se non riuscite a spegnere il PC (o il telefonino) potete sempre trovarmi qui:


FacebookPensieri nel Web (o la nenonata pagina I love Lara Croft - Io amo Lara Croft)
Twitter: @Riccadinho 
Google Plus: Tony




Translate

Vi presento Agata

Consiglialo agli amici